Accedi al sito

Username *
Password *
Ricordami

Crea un account

I campi con (*) sono richiesti.
Nome *
Username *
Password *
Verifica pswd *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Festival del Cinema dei Diritti umani, coraggiosa manifestazione partenopea, apre la sua quinta edizione  dal 5 novembre al 17 novembre  2012, col patrocinio del Sindaco e del Comune di Napoli e, soprattutto,  grazie al lavoro delle tante, oltre 30,  associazioni di volontariato; in testa "Cinema e Diritti", presieduta da Maurizio Del Bufalo che è il coordinatore della Kermesse culturale , coadiuvato da Antonio Borrelli(Gruppo cinema) e Sabina Innocenti (Gruppo scuola).

 

Il Festival del Cinema  dei Diritti Umani dal 2009  fa parte dello Human  Rights Film Network insieme ad altri 30 festival del Cinema dei Diritti Umani ospitati in altrettante capitali di tutto il mondo.

Coinvolta la Napoli del centro storico e tutto  l’hinterland partenopeo in un vortice di location piccole e  monumentali, storiche, pubbliche, inconsuete, biblioteche e antiche dimore, e  con 28  sedi scolastiche e tre universitarie per raccontare vicende umane di violazione dei diritti fondamentali  in casa el mondo nel corso di 12 giorni di manifestazione con 20 eventi, laboratori, performance, reading, incontri, dibattiti  e  conferenze, concerti e proiezioni di 18 film in concorso e 24 fuori concorso,  tutti ad ingresso gratuito.

Non a caso il Festival ha adottato lo slogan " il cinema dalle gambe lunghe" perchè migra ad ampio raggio in città per coinvolgere le persone più varie proprio in luoghi dove le problematiche sono più sentite.  Il Festival del Cinema dei Diritti Umani spazierà tra i cinema Pierrot di Ponticelli e Roma di Portici, gli istituti Casanova e Il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele, San Giovanni Maggiore Pignatelli, Città della Scienza e Bagnoli Futura, Il Suor Orsola e l’Orientale, l’ex  istituto Filangieri di via Maffei( Forum delle culture ,)  ecc

Si parlerà di donne e bambini, anziani e carcerati, diritti alimentari, diritto alla salute, all'istruzione, alla abitazione, alla libertà fisica e di pensiero, diritto al lavoro ed altro in un ottica che pone l'informazione come strumento fondamentale per la conoscenza dei diritti stessi .

Giornata inaugurale il 5 novembre  presso l’Università Suor Orsola Benincasa, ore 10,30  Aula Magna, con la discussione, a cura di Amnesty International e Cinema Diritti, sul tema "Tortura- testimonianze intorno ad un reato inesistente", seguita dalla proiezione del documentario di A. Chiarelli "Fedele nei secoli – Il caso di Giuseppe Uva", artigiano morto dopo essere stato trattenuto in caserma dai carabinieri".

Martedì 6 novembre a Palazzo Corigliano, Istituto Orientale, la discussione sul "Land Grabbin in Africa" e la finestra argentina( dal 6 all’8) con il film sulla donna simbolo delle Madres de Plaza de Mayo: Estela Carlotto.  A Buenos Aires nelle due precedenti edizioni sono state programmate proiezioni partenopee.

La manifestazione prevede anche due  concorsi: uno risercvato ai cineasti,  ( oltre cento i titoli in concorso), che abbiano trattato il tema della violazione dei diritti umani, con una sezione documentaria ed una cortometraggi, dedicata ad autori che hanno raccontato storie di violazione di diritti umani; 'l' altro riservato agli  studenti delle scuole della Regione Campania di ogni ordine e grado  che hanno trattato dell’identità territoriale.

Il giorno 17, in conclusione del Festival del Cinema dei Diritti Umani, presso l'ex  Asilo Filangieri,  si terranno  le premiazioni dei concorsi cinematografici ad opera di una giuria di giornalisti specializzati,  registi ed  esperti del settore.

Sarà inoltre conferito  I l  Premio Speciale Vittorio Arrigoni e Juliano Mer Khamis all'opera che,  anche con linguaggi sperimentali, abbia coraggiosamente  portato in evidenza inconsueti spazi di lotta.

Inoltre, quasi un post- Festival del Cinema dei Diritti Umani, il 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le  donne, andrà in scena prsso l'ex Asilo Filangieri, , lo spettacolo "Malammore", a cura dell’associazione Le Kassandre, alla presenza di SAHAR PARNIYAN, l‘attrice afgana simbolo dell’emancipazione femminile, minacciata di morte dai talebani.

www.cinenapolidiritti.it

info -

3294393933

Ti appassiona scrivere?

Ti interessano le nostre tematiche?
Contattaci 
 
 

Hai una startup innovativa

o un’impresa di successo?
Contattaci

Raccontaci il tuo successo

Hai raggiunto traguardi importanti?
Contattaci
Assodonna.it

AssoDonna ONP è nata nel 1995 per promuovere le Pari Opportunità di occupazione e l’imprenditoria femminile. Oggi ispira le donne verso le imprese, le start up innovative e la nuova economia.
I contenuti riguardano: lavoro e pari opportunità nell’economia del futuro, imprese, start up innovative e finanziamenti, interviste e storie di successo, notizie su cultura e innovazioni tecnologiche.