Accedi al sito

Username *
Password *
Ricordami

Crea un account

I campi con (*) sono richiesti.
Nome *
Username *
Password *
Verifica pswd *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Legge contro le dimissioni in bianco. Questo è quanto stato chiesto al Ministro del lavoro e della pari opportunità Elsa Fornero da una delegazione delle14 donne promotrici dell’appello “188 donne per la legge 188”.
Si è svolto stamattina il previsto incontro richiesto dalle 14 donne promotrici dell’appello “188 firme per il ripristino della legge 188, la legge contro le dimissioni in bianco.

Donne diverse per cultura politica e collocazione lavorativa,unite dalla convinzione del grande valore dello spirito di quella legge .
“Nell’incontro – dicono all’uscita - abbiamo ribadito l’urgenza del ripristino di una procedura semplice e priva di costi per impedire che alle persone al momento dell’assunzione venga fatta firmare una lettera di finte dimissioni volontarie da utilizzare quando quelle persone incorrano in un infortunio,un incidente o non siano più gradite oppure quelle donne inizino una gravidanza.

Infatti le dimissioni in bianco sono una pratica medievale,non degna di un paese civile, utilizzata non solo ma anche nei confronti delle giovani madri-native e migranti.

La cancellazione della legge fa sì che oggi non ci sia uno strumento di contrasto efficace e preventivo dell’abuso. Anche per questo in questi tre anni e mezzo non abbiamo mai smesso di chiederne il ripristino . L’efficacia della legge, la sua semplicità,il suo valore simbolico ci hanno fatto chiedere alla Ministra di trovare una soluzione in tempi brevi.”

Il Ministro del Lavoro e delle pari opportunità nel corso dell’incontro ha espresso la consapevolezza del problema e la volontà di affrontarlo con una soluzione adeguata.
“A nostro avviso esiste l’urgenza di impedire l’abuso delle dimissioni, per garantire i diritti delle persone e le imprese che rispettano le regole.”
Per sostenere tale urgenza il 23 febbraio ci saranno iniziative in tutta Italia e una Conferenza stampa a Roma:
Roberta Agostini, Ritanna Armeni, Giovanna Casadio, Titti Di Salvo, Mariella Gramaglia, Raffaella Lamberti, Maria Pia Mannino, Marisa Nicchi, Liliana Ocmin, Anna Rea, Serena Sorrentino, Soana Tortora, Laura Trezza, Sara Ventroni

Ti appassiona scrivere?

Ti interessano le nostre tematiche?
Contattaci 
 
 

Hai una startup innovativa

o un’impresa di successo?
Contattaci

Raccontaci il tuo successo

Hai raggiunto traguardi importanti?
Contattaci
Assodonna.it

AssoDonna ONP è nata nel 1995 per promuovere le Pari Opportunità di occupazione e l’imprenditoria femminile. Oggi ispira le donne verso le imprese, le start up innovative e la nuova economia.
I contenuti riguardano: lavoro e pari opportunità nell’economia del futuro, imprese, start up innovative e finanziamenti, interviste e storie di successo, notizie su cultura e innovazioni tecnologiche.