Accedi al sito

Username *
Password *
Ricordami

Crea un account

I campi con (*) sono richiesti.
Nome *
Username *
Password *
Verifica pswd *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come leggere la busta paga e comprenderla con chiarezza

Come leggere la busta paga e comprendere con chiarezza la differenza tra elementi fissi della retribuzione, elementi variabili, trattenute fiscali e trattenute previdenziali.

Busta paga: elementi fissi ed elementi variabili nel calcolo della busta paga. L 'art. 1 della Costituzione sottolinea in modo solenne che "L'Italia è una Repubblica Democratica fondata sul Lavoro...". E chiunque si affacci al mondo del lavoro ha diritto ad una retribuzione "proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa" (art. 36 della Costituzione). Il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce è chiamato Busta Paga. In questa prima parte analizzeremo nel dettaglio cosa è la busta paga e gli elementi che la compongono. La Busta Paga è il prospetto che indica la somma che il lavoratore percepisce come compenso per l'attività svolta per un determinato periodo di lavoro. Essa esprime, in termini monetari, l'insieme dei rapporti del lavoratore con il datore di lavoro, con lo Stato (attraverso le imposte) e con gli enti previdenziali (attraverso le trattenute previdenziali ed assistenziali). Il datore di lavoro ha l'obbligo di consegnare, insieme alla retribuzione, anche un prospetto paga in cui devono essere indicati, oltre al periodo di lavoro in questione, tutti gli elementi che occorrono per determinare la retribuzione lorda e le detrazioni che portano alla paga netta. Le voci economiche di cui si compone la busta paga, derivanti dalla contrattazione collettiva, possono essere suddivise in quattro gruppi:

  1. elementi fissi della retribuzione;
  2. elementi variabili;
  3. trattenute fiscali;
  4. trattenute previdenziali.

Il tipo di Contratto Collettivo di lavoro che l'azienda applica ed il settore contributivo di appartenenza sono elementi fondamentali per determinare successivamente le voci che costituiscono la retribuzione di ogni lavoratore, il loro ammontare e le modalità di calcolo.

Busta paga

Oltre alle voci economiche, il cedolino paga è composto anche dai dati riguardanti le generalità del datore di lavoro (il codice fiscale o partita Iva dell'azienda, la posizione Inps o numero di matricola e la posizione Inail, attribuite entrambe all'azienda al momento dell'iscrizione) e dai dati del lavoratore dipendente (generalità, numero di matricola attribuito all'assunzione, data di assunzione, data di cessazione, qualifica, mansione, livello, percentuale part-time).

Gli elementi fissi della retribuzione nella busta paga

Sono elementi fissi della retribuzione quelli che fanno parte della retribuzione di qualsiasi lavoratore dipendente, vale a dire:

- la paga base o minimo tabellare: viene determinata dalla contrattazione collettiva e il suo importo varia a seconda del settore economico di appartenenza e della qualifica del lavoratore. In genere viene stabilita in misura fissa mensile ed è l'elemento più importante della retribuzione in quanto in base ad essa sono calcolati tutti gli altri elementi.

- gli scatti di anzianità: costituiscono una voce della retribuzione determinata dalla contrattazione collettiva ed erogata al compimento di una determinata anzianità di servizio del lavoratore presso una medesima azienda. Gli importi variano in base alla qualifica e vengono incrementati periodicamente a scadenza diverse a seconda del contratto collettivo applicabile.

- l'indennità di contingenza: ha il compito di adeguare la retribuzione alla variazione del costo della vita. Essa, in molti contratti collettivi, è ormai conglobata nel minimo contrattuale.

- l'elemento distinto della retribuzione EDR: è un importo fisso mensile che viene erogato con la retribuzione mensile e la tredicesima a tutti i lavoratori del settore privato, per compensare l'abolizione dell'indennità di contingenza.

- terzo elemento: si tratta di un importo stabilito in cifra fissa per tutti i lavoratori dipendenti che varia da provincia a provincia.

Gli elementi variabili della retribuzione nelle busta paga

Gli elementi variabili della retribuzione sono quelli che variano nei diversi mesi dell'anno come ad esempio: gli straordinari, le indennità, le ferie, la tredicesima mensilità, le festività, i permessi, il congedo matrimoniale, la malattia, la maternità, l'infortunio, gli assegni per il nucleo familiare, i fringe benefit (riconoscimenti individuali volti a premiare il singolo lavoratore).

Tra gli elementi della retribuzione che devono risultare nella busta paga vi sono anche gli assegni familiari. Il godimento dell'assegno viene riconosciuto ed erogato a tutti i lavoratori dipendenti in relazione al reddito familiare. Per ottenere il riconoscimento dell'assegno il lavoratore deve compilare, entro il mese di giugno di ogni anno, una dichiarazione relativa al reddito percepito nell'anno precedente assoggettabile ad imposta e consegnarla al datore di lavoro.

Ti appassiona scrivere?

Ti interessano le nostre tematiche?
Contattaci 
 
 

Hai una startup innovativa

o un’impresa di successo?
Contattaci

Raccontaci il tuo successo

Hai raggiunto traguardi importanti?
Contattaci
Assodonna.it

AssoDonna ONP è nata nel 1995 per promuovere le Pari Opportunità di occupazione e l’imprenditoria femminile. Oggi ispira le donne verso le imprese, le start up innovative e la nuova economia.
I contenuti riguardano: lavoro e pari opportunità nell’economia del futuro, imprese, start up innovative e finanziamenti, interviste e storie di successo, notizie su cultura e innovazioni tecnologiche.