Accedi al sito

Username *
Password *
Ricordami

Crea un account

I campi con (*) sono richiesti.
Nome *
Username *
Password *
Verifica pswd *
Email *
Verifica email *
Captcha *
Reload Captcha

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Diventare Private Banker per amministrare patrimoni da Paperon de Paperoni

Per il prossimo autunno, preparati a studiare da Private Banker o Manager di relazioni, o Relationship Manager e diventa una consulente di patrimoni da Paperon de Paperoni. Cominci da Private Banner Junior fino a diventare Capo Area Private Banking. Qualche donna ce l'ha fatta. Vedi le migliori università dove formarti.

La private Banker non è una professionista che può contare solo sulla preparazione finanziaria poiché deve possedere anche requisiti personali che le consentano di sapersi relazionare bene in ambienti elitari. Pertanto deve aggiornarsi e acquisire notevoli competenze tecniche e di mercato, ma è anche fondamentale che potenzi le proprie attività di relazione e ampli il proprio network.

Se proviene da una famiglia già bene inserita socialmente, il suo lavoro è facilitato, altrimenti deve essere estremamente abile per potersi creare le relazioni che le servono.

E’ importante cominciare a coltivare la propria ambizione presto, molto presto. In America i bambini vengono già inseriti in asili d’elite e preparati a crearsi un percorso che consenta loro di entrare ad Harvard, o comunque in Università eccellenti. Da noi un buon Liceo e una laurea alla Bocconi potrebbero dare le basi e dopo la laurea un buon corso in private banking potrebbe arricchire il curriculum.
Sarebbe importante poi fare un buono stage all’estero, presso qualche importante Istituto di credito, sulle maggiori piazze finanziarie come New York, Zurigo, Londra. Più si acquista esperienza e naturalmente più si è avvantaggiate.

In Italia sarebbe importante fare esperienza in Istituti di credito come Unicredit o il San Paolo di Torino oppure in una delle numerose Banche straniere presenti.
Va da sé che impegno e passione per la professione sono irrinunciabili come pure la mobilità. Spostarsi è indispensabile e per le donne che devono conciliare carriera e famiglia diventa più complicato. Perciò la carriera va cominciata prima possibile.
Dipende poi dalla Banca con cui si ha a che fare. Per esempio il Credit Swisse  prevede la Private Banker che gestisce il cliente  e questa attività può essere più stanziale e il manager che controlla i private banker. In questo caso se si è inserite in un contesto internazionale, la mobilità è indispensabile.

Il profilo si distingue in PRIVATE BANKER JUNIOR che gestisce la clientela facoltosa e la incrementa. Non ha un proprio portafoglio fidelizzato. Rimane nel ruolo per circa 3 anni e in genere dispone di un fisso che va dai 36 ai 48.000 euro e usufruisce di formazione.

La PRIVATE BANKER SENIOR gestisce la clientela facoltosa della banca ed ha un proprio portafoglio clienti dai 50 ai 100.000 euro e può arrivare a guadagnare  da 44 a 180.000 euro all’anno più benefit aziendali a seconda della redditività del proprio portafoglio.

La RESPONSABILE UNITA’ PRIVATE BANKER coordina da 4 a 6 Private Banker, si occupa della loro formazione e possiede un portafoglio personale. Può guadagnare da 74 fino a 180.000 euro più benefit aziendali. Una Team Manager ha uno stipendio superiore a 100.000 euro annui.

La CAPO AREA PRIVATE BANKING coordina più unità di Private Banker, in una o più regioni  e ne cura gli aspetti commerciali e organizzativi in stretta collaborazione con la Direzione generale. Guadagna dai 120 ai 240.000 euro  più benefit aziendali. Lo stipendio fisso dell’Area Manager è superiore ai 140.000 euro.

Qualche donna che ce l’ha fatta: Paola Mungo, Direttore generale di Azimut Holding
«Non ho mai programmato a tavolino il mio futuro: se metti l'anima in ciò che fai e cerchi di portarlo a termine nel migliore dei modi, con serietà e competenza, prima o poi le cose succedono da sole». Con questa filosofia, Paola Mungo è diventata direttore generale.

Le migliori Università in Italia e nel mondo per diventare Private Banker

Dovendo scegliere le Le migliori Università  in Italia ci si può orientare verso l’Università Bocconi di Milano o la Luiss Guido Carli di Roma, o il Politecnico di Milano o il Politecnico di Torino.

Potendo scegliere una Università in Europa in Francia c’è la Sorbonne, in Gran Bretagna l'Imperial College; a Londra c'è la London School of Economics; a Oxford, la University of Oxford; in Svizzera l'Università di Ginevra e il Politecnico Federale Eth di Zurigo.

Se poi si ha l’opportunità di studiare negli States si puo’ scegliere tra l’Università di Berkley-Columbia; New York University; Università di PrincetonUniversità di Stanford; Università di Yale.

Ti appassiona scrivere?

Ti interessano le nostre tematiche?
Contattaci e scrivi per noi.

Hai una startup innovativa

o un’impresa di successo?
Contattaci e la promuoveremo.

Hai bucato il cielo di cristallo?

Sei al top della carriera?
Consentici di rallegrarci con te. Contattaci.
Assodonna.it

AssoDonna ONP è nata nel 1995 per promuovere le Pari Opportunità di occupazione e l’imprenditoria femminile. Oggi ispira le donne verso le imprese, le start up innovative e la nuova economia.
I contenuti riguardano: lavoro e pari opportunità nell’economia del futuro, imprese, start up innovative e finanziamenti, interviste e storie di successo, notizie su cultura e innovazioni tecnologiche.